Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Giorgia Meloni a “Giovani Talenti”

 IL MINISTRO DELLA GIOVENTU’ GIORGIA MELONI A “GIOVANI TALENTI” (RADIO 24):

“PRIORITARIA LA RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI”

 “La riforma degli ammortizzatori sociali è un tema prioritario. Dobbiamo lavorarci immediatamente. Su questo occorrerà però ragionare col Ministero dell’Economia”. Lo ha dichiarato il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni, intervenendo a “Giovani Talenti”, il programma sulla nuova emigrazione giovanile italiana, condotto da Sergio Nava e in onda sabato 25 settembre alle ore 15.

Giorgia Meloni ha riconosciuto la gravità del problema della fuoriuscita crescente di giovani professionisti qualificati dall’Italia (o “fuga dei cervelli”): “Possiamo sicuramente parlare di un problema che esiste. Occorre fornire risposte, ai tanti giovani di talento del nostro Paese. Non dobbiamo però commettere l’errore di considerare l’immobilità come una risorsa: in quest’epoca “infame” per le giovani generazioni, tra gli elementi “fortunati” rispetto al passato c’è sicuramente l’emergere della prima generazione “mass-europea”, in grado di muoversi con grande facilità e a costi ridotti. Il vero punto -sul quale noi siamo “fallaci” come sistema- riguarda la capacità di riprendersi questi ragazzi che si sono arricchiti all’estero. Evitando che se ne vadano per sempre”.

Il Ministro Meloni ha sollecitato una “rivoluzione del merito”: “L’Italia è una nazione bloccata da rendite di posizione, nella quale stenta ad esistere un ascensore sociale. La prima sfida da affrontare è dunque la rivoluzione del merito: dobbiamo passare da una società che ha voluto che l’uguaglianza fosse il punto d’arrivo, a una società dove l’uguaglianza diventi il punto di partenza”.

Giorgia Meloni è tornata infine sulla questione del welfare per i giovani: “C’è un problema di scontro generazionale: abbiamo ereditato un’Italia dei diritti acquisiti. Noi siamo il primo Governo che ha deciso di dare una forma stabile di ammortizzazione a circa cinque milioni di lavoratori atipici, soprattutto giovani, investendo nove miliardi di euro. Io credo che il tema del welfare, connesso al tema del sostegno alla natalità, siano le due grandi tematiche nelle quali sarà necessario investire le risorse, non appena usciremo dall’emergenza”.

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.