Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Lo startupper che tornò per “restituire” all’Italia…

“L’Italia non è ancora il Paese dell’Innovazione: ho tuttavia sperimentato un potenziale enorme tra i giovani, anche superiore a quello della Silicon Valley. Basterebbe solo piu’ coraggio e -soprattutto- fame di creare/cambiare, comprendendo che la scienza e la tecnologia sono lo strumento migliore di affrancamento culturale e promozione sociale. “Stay Hungry. Stay Foolish”, come disse anni fa Steve Jobs ai ragazzi di Stanford“. Il biglietto da visita di Vincenzo Di Nicola, 34enne ingegnere e startupper diviso tra Stati Uniti e Italia, racconta tutto della sua voglia di “restituire” al proprio Paese quanto di meglio appreso e realizzato all’estero.

Partito per gli Stati Uniti seguendo le orme del nonno (anche lui emigrato Oltreoceano diversi decenni prima), Vincenzo -iscritto a Ingegneria Informatica- molla le ancore verso l’Università di San Diego, dove resta un altro anno come ricercatore.

L’approccio allo studio americano mi aveva davvero affascinato: meno “filosofia” dell’ingegneria, e molta piu’ sostanza pratica nel costruire progetti per il mondo reale“, ricorda Vincenzo a distanza di anni.

Negli anni successivi decide di abbandonare la carriera accademica, nella quale si stavano aprendo interessanti opportunità per lui, per intraprendere quella aziendale: Yahoo! e Microsoft rappresentano le prime fondamentali esperienze in questo senso, prima che -insieme ad un amico- nascesse l’idea di fondare una propria start-up.

Vede così la luce Go Pago, innovativa azienda pensata per ridurre i tempi di ordine, acquisto e ritiro di cibi e bevande presso i principali negozi e catene USA. Il tutto attraverso uno smartphone. GoPago rappresenta a tutt’oggi una delle iniziative di maggior successo tra i giovani startupper italiani negli Stati Uniti. Nove mesi fa l’azienda è stata venduta ad Amazon, per una cifra mai rivelata.

Vincenzo nel frattempo è tornato in Italia: sta valutando vari progetti, con l’obiettivo di far nascere qualcosa di importante qui. “Give back”…

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.