Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Un anno di studio negli USA

Simone Ingaramo, 17 anni, sarà il “Testimone” -oggi- di “Generazione Mobile”, in onda alle 13.30 (CET).

“Generazione Mobile” è il primo passaporto radiofonico valido per l’espatrio.

La puntata odierna si focalizzerà in particolare sulle opportunità di scambio studentesco negli USA.

Le opportunità per studiare il francese Oltralpe sono al centro di “Toolbox”, la nostra cassetta degli attrezzi. Nello spazio “Job Abroad” vi racconteremo le iniziative per l’impiego più interessanti del momento in Europa, grazie ad Eures. Infine, in “Internet Point”, spazio alle vostre lettere, con le vostre richieste di consigli e “dritte” utili per espatriare.

Simone Ingaramo si presenta così, agli ascoltatori di “Generazione Mobile”:

Il 7 di settembre sono partito per vivere un anno di studi negli USA ed ora sta trascorrendo il settimo mese. Ho partecipato negli anni passati ad altre esperienze di studio all’estero e di scambio culturale ma per periodi molto brevi (2 settimane) quindi quando ho avuto la possibilità di iscrivermi al concorso di Intercultura ho colto l’occasione al volo e mi sono buttato in questa nuova avventura. Dal quel giorno di novembre del 2016 tutto e cambiato

ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMUNITY DI GENERAZIONE MOBILE:

Studiate/lavorate/siete imprenditori all’estero? E siete “under 40”? Avete una storia da raccontare e consigli preziosi da dare per cogliere opportunità oltreconfine, sfruttando le occasioni di mobilità internazionale? Scrivete a: generazionemobile@radio24.it 

Oppure, avete domande da porre su come studiare/fare stage/lavorare/avviare start-up all’estero? Inviatele a: generazionemobile@radio24.it 

Infine, avete un sito/blog all’estero, nel quale fornite consigli pratici su come trasferirsi nel vostro attuale Paese di residenza? O avete scritto un libro su questo tema? Segnalateci tutto, sempre a: generazionemobile@radio24.it 

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.