Radio24 | Il Sole 24 ORE

Le statistiche Aire sono attendibili?

Riceviamo e pubblichiamo la lettera che ci ha inviato Francesco, expat italiano a Monaco di Baviera. Francesco lancia un allarme sull’effettiva attendibilità dei moduli dell’Anagrafe Italiani all’Estero (Aire), per quanto riguarda il censimento professionale. Il rischio, come risulta evidente dalla lettera, è quello di una rilevazione poco aderente alla realtà, circa le professioni dei nostri giovani emigrati. Non sarebbe il caso di aggiornare -effettivamente- gli strumenti? Sulla questione intendiamo indagare…

Sono emigrato 3 mesi fa a Monaco di Baviera, per lavorare in un centro di ricerca industriale. Siccome a gennaio dovrò andare negli Stati Uniti per incontrare dei colleghi della “casa-madre”, e non avendo mai avuto bisogno del passaporto finora, sono andato a farlo al Consolato. Trascuriamo il fatto che -al Consolato- mi hanno gentilmente costretto a registrarmi all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (in quanto sarebbe un obbligo di legge), per potermi fare il passaporto. Ebbene, riempio il formulario di iscrizione all’AIRE scrivendo “dottorato” alla voce titolo di studio, e “ricercatore” nel campo professione. Guardando poi sullo schermo dell’impiegata che mi registrava sul database, ho potuto vedere che la voce “dottorato” non è presente tra i valori del campo “titolo di studio” (d’altronde è stato istituito solo 30 anni fa, che fretta c’è di aggiornare gli strumenti…), come non è disponibile nemmeno la voce “ricercatore” (si possono inserire soltanto “impiegato”, “libero professionista” e “operaio”). Vi scrivo questo appunto per testimoniare come, se questi sono gli strumenti a disposizione, è logico che i dati del Ministero degli Esteri tratteggino un quadro degli italiani all’estero completamente falsato rispetto a quello che è in realtà: si parla tanto di fuga dei cervelli, ma l’AIRE non è affatto in grado di monitorarli. Non so se questo sia uno spunto interessante per voi, ma quando ho visto le (in)capacità della nostra anagrafe sono rimasto basito“.

FRANCESCO

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.