Radio24 | Il Sole 24 ORE

Lettera dall’Europa: “Ancora non voglio arrendermi”

Va dritta al cuore la lettera che Maria Pia, giovane ascoltatrice di “Giovani Talenti” nonché stagista all’Europarlamento, ci ha scritto. Nelle sue parole c’è tutto l’orgoglio di una generazione schiacciata e mal valorizzata in Italia. Leggetela… e come consiglio sempre, diffondetela!

“Non sono un talento. ma non voglio accettare che in Italia, uno dei più importanti Paesi industrializzati e fucina culturale d’Europa, io debba fare un lavoro qualunque solo per avere i soldi per pagarmi un affitto in un appartamento condiviso, una pizza al mese e la spesa. Anche io sono fuggita dall’italia dopo 5 anni di lavoro. Non siamo in Ghana, non devo fare un lavoro qualsiasi per sopravvivere, in Italia devo avere il DIRITTO di fare il lavoro che desidero, e per il quale ho studiato. E non sto dicendo che voglio fare l’attrice o l’artista. Ho rifiutato l’ennesimo contratto a progetto in un ambito che non mi interessava nemmeno, e dove ormai non davo più il massimo, perchè non ero più motivata. Quando ho chiesto chi prendeva il mio posto mi hanno risposto: “uno scimpanzè”. Sono stata selezionata per uno stage presso l’Unione Europea. Qui ricevo elogi da tutti, mi sento motivata, rinata, piena di stimoli e voglia di dare il massimo. Ho lasciato tutto e tutti, e ora sono qui al Parlamento Europeo. Spero che questo sia un trampolino di lancio, per tentare -per l’ultima volta- di realizzarmi nel lavoro. Ancora non voglio arrendermi.  Forse tutto finirà dopo questi sei mesi. Nella peggiore delle ipotesi potrò dire che -almeno per sei mesi- ho svolto il lavoro dei miei sogni, nell’ambiente che desideravo e con colleghi simpatici – oltre che preparatissimi”. 

MARIA PIA

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.