Radio24 | Il Sole 24 ORE

Giovani Accademici alla “Fonderia Oxford”

Puntata speciale, quella odierna di “Giovani Talenti”, che dedichiamo interamente a un progetto avviato nella prestigiosissima Università di Oxford da un gruppo di giovani ricercatori e accademici italiani. Si chiama “Fonderia Oxford”, e rappresenta un esempio di punto di svolta, un “turning point” nel modo di vedere la nostra giovane emigrazione professionale. Da problema a opportunità: da pura denuncia a proposte concrete, per modernizzare e rendere finalmente “europeo” il nostro Paese. Tre dei ricercatori e co-fondatori della “Fonderia Oxford”, di cui nel corso della puntata vi racconteremo le storie professionali, si presentano così ai lettori del blog di “Giovani Talenti”:

“Martina Di Simplicio, Paolo Falco ed Emanuele Ferragina hanno tre profili diversi: Martina medico-psichiatra, Paolo economista ed Emanuele politologo – ma con una passione in comune: la politica, intesa come soluzione di problemi spinosi. Martina, Paolo ed Emanuele, assieme ad altri giovani expats hanno costituito da circa un anno un laboratorio di politiche per l’Italia, la fonderia Oxford (www.fonderia.org).

La Fonderia promuove -attraverso discussioni aperte, seminari, dibattiti sul web, partecipazione a conferenze e interventi sui media- un approccio più sistematico e obiettivo alla politica Italiana. Come recita il sito web: “La nostra generazione è rimasta vittima di individualismo, solitudine e frustrazione. Non ci vergogniamo, allora, di sognare che gruppi di discussione e singoli messi in rete possano confluire in una voce comune che parli di un futuro diverso. La Fonderia ambisce a dare valore alle proprie idee, convinti che possano servire a costruire un Paese con più diritti e opportunità, e meno privilegi e sfruttamento”.

La Fonderia si impegna a riallacciare i fili dell’interesse per la politica, come avvenuto durante un recente seminario, in cui il presentatore si trovava a Sidney, il discussant a Soverato (in provincia di Catanzaro), i partecipanti ad Oxford e sulla rete sparsi per il mondo. Con il suo metodo di lavoro la Fonderia propone un modello pro-attivo, in sostituzione dell’immobilismo e della logica della “fuga dei cervelli”. Viaggiare educa: le competenze acquisite devono essere utilizzare in modo sistematico per migliorare il Paese.

Siamo stanchi di vedere l’Italia amministrata secondo logiche faziose e di breve periodo, e proponiamo di affrontare i problemi strutturali che ci attanagliano con una prospettiva aperta verso il futuro”.

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.