Radio24 | Il Sole 24 ORE

FUGA DEI CERVELLI: LOMBARDIA E VENETO PRIMATISTE NEGLI ESPATRI DI “UNDER 40″. GIOVANI QUASI LA META’ DEI NEOEMIGRANTI. LO RIVELA RADIO 24

E’ il Nord Italia l’area più’ colpita dalla fuga dei cervelli all’estero. Lo rivela, sulla base degli ultimi dati Aire (Anagrafe Italiani Residenti Estero) la trasmissione Giovani Talenti di Radio 24.

Nel 2011 sono state Lombardia e Veneto le regioni dalle quali sono emigrati più’ 20-40enni: 4768 lombardi e 2568 veneti. Si conferma e aggrava quindi il trend che vede espatriare i giovani residenti nelle zone più’ produttive del Paese. Solo al terzo posto la Sicilia (2418 espatri), seconda nel 2010 e primatista nel decennio 2000-2010, seguita da Lazio (2236) e Piemonte (2197).

Il totale dei 20-40enni espatriati nel 2011 ammonta a 27.616, in leggera crescita rispetto al 2010, quando il dato risultava pari a 27.246.

Emigrano più i giovani uomini rispetto alle giovani donne: 15.569 contro 12.047, anche se nella fascia 20-30 anni lo scarto e’ minimo, e tende ad accentuarsi nella fascia 30-40 anni.

La comunita’ dei 20-40enni rappresenta una fetta importante sul totale degli espatriati dall’Italia, che nel 2011 ammontava complessivamente a 60.635 unita’: le classi più giovani e produttive rappresentano infatti il 45,54% del totale. Circa uno su quattro ha tra i 30 e i 40 anni.

Tra le destinazioni dell’espatrio “under 40″ gioca sempre un ruolo fondamentale l’Europa (18.347 giovani emigrati in altri Paesi del Continente), ma e’ in netta ascesa l’emigrazione verso l’America Meridionale (4201), che stacca nettamente quella verso l’America Centro-settentrionale (2653). Per Paesi, domina la classifica di espatri dei 20-40enni la Germania (3549 emigrati), seguita dalla Gran Bretagna (3366) e dalla Svizzera (3118). Quinti gli Stati Uniti (1821), seguiti dall’Argentina (1817). Anche il Brasile, con 1461 espatri, si conferma una destinazione interessante.

L’Anagrafe Italiani Residenti Estero e’ il registro ufficiale dei connazionali che hanno stabilito la loro residenza oltre i nostri confini. Nonostante l’iscrizione sia obbligatoria, indagini indipendenti hanno rilevato come meno di un giovane su due si iscriva al registro. Sulla base dei dati ufficiali, e’ dunque stimabile un espatrio di 20-40enni reale e complessivo intorno alle 60mila unita’, nell’anno 2011, sostanzialmente in linea con gli anni precedenti.

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.