Radio24 | Il Sole 24 ORE

Imprenditore-Editore in Silicon Valley

Un viaggio lungo migliaia di chilometri, quello che ha portato Adriano Farano, 32enne imprenditore startupper, dalla Campania fino in Silicon Valley. In mezzo la fondamentale tappa parigina. Storia di un successo davvero straordinario, di una personalità forse fin troppo fuori dagli schemi, per “sfondare” in Italia. Qui solo muri di gomma, impastati con nepotismi, gerontocrazie e immeritocrazie della peggior specie.

Fuori, il mondo delle opportunità. Adriano si presenta così al blog di “Giovani Talenti”:

Cava de’ Tirreni-Stanford passando per Roma, Strasburgo e Parigi. Questa, chilometri più chilometri meno, la mia traiettoria. Mi chiamo Adriano, ho 32 anni e faccio l’imprenditore nel settore dell’informazione.

Primo (e ultimo) quotidiano cartaceo creato all’età di nove anni, dopo la caduta del Muro di Berlino (poi vietato dalla maestra perché ci facevo soldi, in classe). Poi Scienze Politiche alla Luiss di Roma. La molla scatta per l’Erasmus, che mi apre nuovi orizzonti, non solo perché conosco mia moglie, francese, ma perché è durante il mio anno di studio all’estero che fondo CafeBabel.com, rivista di attualità europea tradotta in sei lingue, oggi forte di una community di migliaia di persone sparse in tutta Europa.

A tornare in Italia, dopo aver fondato CafeBabel.com, torno. Ma solo per un anno. Si’, perché, rapidamente, mi rendo conto che la meritocrazia non abita da noi. Torno in Francia nel 2002 dove CafeBabel.com arriva al successo di pubblico e critica, per poi, nel 2010, fare rotta per la Silicon Valley.

E’ a Stanford, infatti, che vinco una borsa di ricerca “Knight Fellowship” e, a ruota, mi faccio conquistare dal mondo delle startup diventando entrepreneur in residence all’incubatore di startup di Stanford e poi fondando due società. L’ultima, Watchup, è un’applicazione iPad che permette di creare il proprio telegiornale a partire da diversi canali di informazione quali CNN, PBS ed altri, tutti centralizzati in un’unica esperienza tattile.

Dell’Italia mi manca la mia famiglia d’origine, ma grazie alla vita fuori dal nostro microcosmo mortificante per i giovani, ho potuto fondare una famiglia e sono oggi papà di due bimbi trilingue“.

ADRIANO

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.