Radio24 | Il Sole 24 ORE

Una Ricercatrice al Trinity College

Voleva lavorare nel settore delle Ong Giulia Faedo, 32 anni, protagonista oggi a “Giovani Talenti”. Alla fine è andata a prestare la sua attività come ricercatrice in Irlanda – con ottimi risultati, peraltro. Come può essere possibile un simile percorso professionale… ce lo spiega lei stessa. Stay Tuned!

“Mi chiamo Giulia e vivo a Dublino da oltre due anni.

Sto lavorando come assistente ricercatrice presso l’Health Policy and Management Centre del Trinity College.

“Non hai competenze specifiche nel mondo della ricerca accademica, ma hai vissuto esperienze così diverse in vari Paesi, che sono certo te la caverai anche qui”. Con questa frase e con un sorriso incoraggiante, mi ha accolto il prof. Charles Normand, capo del dipartimento.

Ho avuto esperienze di studio e lavoro all’estero, cogliendo le opportunità proposte a partire  dall’Università: programma Erasmus, Leonardo e stage MAE-CRUI.

Grazie ad insegnanti italiani ho acquisito il bagaglio culturale e formativo che mi ha consentito di affrontare e gestire molteplici tematiche con un approccio flessibile, mantenendo una visione d’insieme.  Ciònonostante ho anche colto i limiti di una preparazione accademica spesso troppo distante dalla realtà lavorativa.

Esporsi a situazioni non convenzionali, commettere errori, rielaborarli e confrontarsi con persone diverse, hanno fatto il resto: in Nicaragua ad esempio ho capito che la gestione del magazzino è cruciale in un progetto di costruzione di case e opere pubbliche. Oppure come calcolare accuratamente il costo di un parto in Africa? Osservando attentamente tanti bimbi nascere, e tutto ciò che si muove attorno al nascituro/a. Che esperienze emozionanti negli ospedali di Etiopia e Tanzania!

Ci vuole pazienza, perseveranza e gradualità: se le suore di un convento in Camerun sono abituate da decenni a fare torte con 14 uova, non puoi pretendere di convincerle subito che 4 siano sufficienti. Quindi meglio partire con una mediazione, e similmente in tante altre circostanze…

Mi reputo fortunata ad avere avuto fino ad oggi la possibilità di seguire da un lato progetti di sanità pubblica irlandese e dall’altro di analisi e valuzione economica in Paesi in via di sviluppo, avendo a che fare con tematiche diverse che richiedono cambi di prospettiva e  apertura mentale”.

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.