Radio24 | Il Sole 24 ORE

Tre proposte per tornare – Lettera dalla Germania

Anche Turz, pseudonimo di un nostro giovane ascoltatore in Germania, ha risposto alla discussione che abbiamo lanciato in onda lo scorso novembre, su cosa i nostri giovani “expats” chiedano al sistema-Paese, per tornare.

Turz lancia, via e-mail, le sue proposte: nella loro semplicità, lasciano veramente di sasso.

Siamo caduti così in basso, da risultare così “infrequentabili” -come Paese- ai nostri giovani emigrati?

“Buongiorno,

non so se definirmi un “talento”, comunque sono un giovane laureato italiano all’estero, e precisamente in Germania. Rispondo alle vostre domande:

“Di fronte al rischio declino l’Italia rivuole i suoi talenti ora all’estero – o dice di rivolerli. Le mosse degli ultimi due Governi vi convincono? Cosa fare di più? Cosa chiedete -in tre, concreti punti- al sistema-Italia, per tornare?”

Le mosse degli ultimi 13-14 governi non mi convincono. Cosa fare di più? Qualunque cosa che favorisca lo sviluppo di grandi aziende di alta tecnologia o comunque ad alta concentrazione di manodopera altamente qualificata e che invece faccia fallire miseramente le aziende inefficienti.

Cosa chiedo per tornare?

Salario netto paragonabile a quello che posso avere in Germania, non importa quanto sia dovuto a tagli fiscali (definitivi!) o alla crescita del lordo. In questo momento serve un aumento del 100%, ovvero un raddoppio.

Prezzi immobiliari paragonabili alla Germania in città con paragonabili opportunità di lavoro. In questo momento serve una riduzione del 40% circa.

Qualità della vita paragonabile alla Germania, in particolare riduzione fino quasi all’azzeramento della probabilità di essere aggrediti da malviventi per strada, nonché mezzi pubblici capillari e frequenti anche in fasce orarie non di punta.

Quando avremo queste tre cose, torneremo. Probabilmente ad altri giovani all’estero basterebbe un po’ meno, ma di sicuro queste sono le direzioni da percorrere”.

TURZ

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.