Radio24 | Il Sole 24 ORE

Un Ingegnere dei Trasporti in Australia

Le aveva proprio provate tutte, Andrea Colaiacomo, prima di mollare le ancore verso l’Australia: colloqui per lavoro da dipendente (e relativa scoperta dell’indecente mondo italiano dei contratti a progetto), lavoro autonomo (con l’insormontabile ostacolo di riuscire non solo a far capire l’utilità dei propri progetti… ma anche di farsi pagare). Alla fine, un anno e mezzo fa, ha fatto le valigie. Famiglia al seguito.

Ora vive e lavora in Australia. Ha un contratto a tempo indeterminato, ha ottenuto due aumenti di stipendio, e coordina un proprio team. Piccolo particolare: il settore in cui lavora, quello dei trasporti e della mobilità sostenibile… avrebbe un gran bisogno di profili come il suo, nel Paese dove il problema dei problemi è il “traffico”.

Andrea si presenta così ai lettori del blog di “Giovani Talenti”…

“Sono Andrea Colaiacomo, ho 30 anni e sono (ahimè) scappato dall’Italia per dare un futuro a moglie e figlio. Sono ingegnere e modellista dei trasporti. Ho trovato nell’Australia un ambiente accogliente e -soprattutto- stimolante. Terminati gli studi all’Università di Tor Vergata ho avuto un anno di collaborazione con l’Università stessa, un anno e mezzo da dipendente in una piccola società di consulenza, infine un anno da libero professionista.

Nella ricerca del lavoro ho fronteggiato situazioni ben note a tutti i giovani, ma ho deciso di non farmi sottomettere e così ho rifiutato, tra le altre, un contratto a progetto che avrebbe dovuto essere a tempo determinato e non ho accettato di fornire la mia consulenza gratis ad un comune laziale “per entrare nel sistema”. Un sistema che “non lavori se non conosci” e “sei giovane, quindi non capisci niente”.

Qui ho trovato una società di consulenza che apprezza i giovani, investe in formazione, spinge a crescere e a prendere sempre maggiori responsabilità. In un anno ho ottenuto la responsabilità di un gruppo di lavoro e per il futuro… ho ancora voglia di crescere. Infine… mai mettere limiti alla provvidenza!”

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!


Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.