Radio24 | Il Sole 24 ORE

Uno Startupper a Berlino

Torniamo alla scoperta dell’ecosistema innovativo berlinese, divenuto negli ultimi anni “patria” di migliaia di giovani startupper italiani. L’occasione ce la fornisce la storia di Giuseppe Colucci, country manager per una start-up e lui stesso startupper, tra i personaggi più in vista nell’ambiente locale.

La storia di oggi ci fornisce l’occasione per fare il punto su quanto avviene in Italia, con le misure che il Ministero dello Sviluppo Economico sta mettendo in campo per creare -pure nella Penisola- dei poli di attrazione per l’innovazione.

Giuseppe si presenta così ai lettori del blog di “Giovani Talenti”:

“Sono Giuseppe Colucci, ho 29 anni, da tre vivo a Berlino, dove faccio parte del movimento startup e innovazione, della cosiddetta “Silicon Valley d’Europa”.

Sin da adolescente sognavo di fare il giornalista. Scrivevo, ed invece di cibarmi di musica, come i miei coetanei, ascoltavo le radio all news. Ho studiato per far avverare il mio sogno: a 21 ho iniziato la pratica, e a 23 ero pubblicista, nonché caporedattore di una piccola testata lombarda, dedicata a tecnologia e media. A 24 anni, durante i due anni di Laurea Magistrale, sono partito in Turchia per l’Erasmus, e la vita mi è cambiata, rigirando tutte le mie certezze come un calzino.

Al mio ritorno, pur continuando sempre a scrivere, di tanto in tanto, e a portare avanti un blog chiamato “Torno Subito” (espressione del mio desiderio di viaggiare, per poi tornare a casa, e portare con me il mio bagaglio di conoscenza ed esperienze), la mia vita prende una strada differente. Con una ragazza conosciuta in Turchia, che oggi è ancora la mia compagna, vado a vivere in Spagna, dove resto sei mesi, tra piccole collaborazioni giornalistiche e tanto lavoro manuale… e poi, quasi per caso, vengo a vivere a Berlino.

Dopo aver lavorato per un anno e mezzo in una ONG, dove ho gestito un blog di informazione e ho imparato a organizzare conferenze, mi sono tuffato nel mondo startup, lavorandoci, per poi fondare il mio progetto personale (insieme al mio amico e socio Marco Melluso), e dividendomi tra Berlino e l’Italia, come una sorta di vaso comunicante che, nel suo piccolo, apprende e trasferisce conoscenza ed esperienza. In attesa, un giorno, di tornare a casa“.

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.