Radio24 | Il Sole 24 ORE

Prossima Destinazione: Mondo

Il mondo è cambiato. Per chi ancora non l’avesse capito, e si ostinasse nella difesa di vecchi localismi e visione di vita assolutamente provinciale, consiglio caldamente la lettura della missiva Teresio, che ci racconta la storia di suo figlio, Francesco. Lo fa ovviamente con l’orgoglio del padre. Ma il finale riassume alla perfezione l’intera filosofia che emerge dalle sue parole.

“Think Global – Act Local”, sostiene un vecchio slogan. La prima parte emerge con prepotenza, dalla lettera di Teresio.

“Mio figlio Francesco, anni 21, laurea triennale in Ingegneria Elettronica / Electronic Engineering (corso in inglese) conseguita brillantemente il luglio scorso al Politecnico di Torino, si trova ora a Shanghai – dove conseguirà la doppia laurea cinese (grazie al lungimirante progetto di collaborazione fra il Politecnico torinese, quello milanese e la Tongji University).

Ma prima deve seguire, oltre ad alcuni corsi, un tirocinio presso un’azienda a Shanghai, avendo già frequentato in Cina il secondo anno accademico, nel 2012/2013. A seguito dell’invio di duecentocinquanta curricula a tutte le società dei cinque continenti basate a Shanghai con qualche attinenza ai temi dell’ingegneria elettronica, sta lavorando in un’azienda metalmeccanica italiana, dopo aver ottenuto una quindicina di risposte (parecchie di cortesia), quattro colloqui – di cui due soltanto telefonici.

Anche là non si trovano opportunità con uno schioccar di dita. Nel Paese della prima economia al mondo, dove si conversa nella lingua più parlata e più ostica del globo, e dove città e infrastrutture crescono alla velocità della luce. Nella città diventata cuore pulsante di quel fervore. Ma Francesco è contento del lavoro trovato, che lo porterà prima alla laurea cinese e poi a una magistrale a Torino, Hong Kong, Zurigo, Delft o a Chicago.

Il futuro appartiene a giovani così. Che non si arrendono mai, e gettano le fondamenta della propria vita su un terreno bello, fertile e ricco di sorprese nonostante tutto, che si chiama mondo“.

TERESIO

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.