Radio24 | Il Sole 24 ORE

Benvenuti a Bordo

Nell’ultima trasferta a Londra ho avuto modo di visitare l’iniziativa “Benvenuto a Bordo”, organizzata da un gruppo di giovani italiani, che settimanalmente si riuniscono e offrono informazioni di prima necessità ai tantissimi connazionali appena approdati Oltremanica.

Di “Benvenuto a Bordo” abbiamo parlato già un paio di volte, a “Giovani Talenti”, sia per raccontarla nella fase di lancio, sia ospitando uno dei suoi promotori – lui stesso espatriato.

A “Benvenuto a Bordo” i giovani che arrivano settimanalmente in cerca di informazioni vengono accolti con un incontro che fornisce loro un’infarinatura generale su come trovare casa e lavoro, e su come prepararsi ad un diverso sistema sociale, per esempio a livello sanitario.

Contemporaneamente, sono attivi un servizio di consulenza dei curricula, e un servizio di consulenza legale, nel caso sorgessero problemi con gli affitti o con i datori di lavoro.

Il team è composto da giovani volontari, molto ben organizzati, che aiutano gratuitamente i connazionali. Il tutto in coordinamento con l’analoga iniziativa “Primo Approdo”, gestita dal Consolato italiano a Londra.

E’ raro trovare iniziative del genere all’estero, dove le nostre comunità sono ormai o composte da vecchi emigranti, oppure frammentate in piccoli gruppi di giovani (e nuovi) emigranti. Ancora più difficile in grandi città (qual è Londra), dove -come mi è stato raccontato- le truffe ai giovani italiani in cerca di lavoro sono in aumento esponenziale.

Truffe perpetrate da agenzie o sedicenti agenzie, messe in piedi proprio da italiani, che chiedono soldi per trovare lavori sottopagati o pagati in nero (alla faccia del mercato del lavoro meritocratico…), o che propongono affitti in topaie sovraffollate, a prezzi vergognosi. Su questo mi sento di mettere in guardia, e assumere un atteggiamento sospettoso, quando vengono chiesti soldi.

Anche per questo un’iniziativa come “Benvenuto a Bordo” può essere estremamente utile, soprattutto per quei giovani che arrivano a Londra senza un contratto di lavoro in mano, totalmente all’avventura, in una città dove -oggi- avere successo o fallire… sono i medesimi lati della stessa medaglia.

A giugno -vi anticipo- dedicheremo una puntata speciale a “Benvenuto a Bordo”, con storie di giovani emigrati  Oltremanica.

Le info di contatto:

il sito di Benvenuto a Bordo

-e-mail: info@benvenutoabordo.org

-Facebook: la pagina di Benvenuto a Bordo

–Twitter.com/benvabord #BaBjobs

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.