Radio24 | Il Sole 24 ORE

Una Astrofisica in Germania

Giovani ricercatori che tengono alto il nome dell’Italia all’estero: è il caso di Alessandra Mastrobuono-Battisti, 31enne astrofisica appena approdata in Germania, dopo aver realizzato in Israele una scoperta che l’ha portata all’attenzione della comunità scientifica internazionale. Alessandra è protagonista della puntata odierna di “Giovani Talenti”. Si presenta così ai lettori del nostro blog:

“Sono Alessandra Mastrobuono Battisti, ho 31 anni e ora vivo e lavoro ad Heidelberg, in Germania. Accademicamente sono cresciuta in Italia, a Roma, dove ho studiato Fisica e Astrofisica durante la laurea triennale, e poi Astronomia ed Astrofisica durante la laurea specialistica.

Ho poi deciso di continuare gli studi, e ho conseguito nel 2012 il dottorato di ricerca in Astronomia, sempre presso La Sapienza. Studio la dinamica stellare, ossia come le stelle, o altri corpi celesti si muovono. Ad esempio studio come è nato ed è evoluto l’ammasso di stelle che circonda il buco nero supermassiccio al centro della nostra Galassia.

Già prima di aver terminato il dottorato ho iniziato a guardarmi intorno per trovare un nuovo gruppo in cui inserirmi e lavorare, e ho “applicato”, ossia inviato il mio curriculum vitae e la descrizione della mia ricerca a vari istituti all’estero. Mi è stato offerto un postdoc in Israele, al Technion ad Haifa.

Ho conosciuto il mio futuro capo ad Harvard, dove lui era al termine del suo postdoc e sulla via del ritorno in Israele per diventare professore, a soli 35 anni. Al Technion ho continuato la mia ricerca ed ho iniziato anche a studiare la nascita del nostro Sistema Solare, in particolare della Luna. Da questa variazione sul tema della mia ricerca e’ nato l’articolo pubblicato su Nature nell’aprile 2015. Passati due anni ho di nuovo “applicato” e mi è stata offerta una nuova posizione da postdoc in Germania, al Max Planck Institute für Astronomie, dove mi sono trasferita dopo aver trascorso 3 anni in Israele”.

Mastrobuono  Battisti

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.