Radio24 | Il Sole 24 ORE

Una Violinista nei Cantoni

Puntata a forte sfondo musicale, quella che vi proponiamo oggi: lo facciamo con la storia di Irene Abrigo, 27enne violinista espatriata in Svizzera. Cresciuta in Valle d’Aosta, dopo essersi perfezionata nelle Alte Scuole di Perfezionamento di Ginevra e Losanna, Irene ha deciso di rimanere a vivere all’estero, dove nel 2015 ha creato l’Associazione Culturale POURQUOIPAS, per promuovere la cultura e sostenere cause sociali attraverso la musica.

La sua carriera da concertista l’ha portata a debuttare quest’anno in Brasile e a New York, alla Carnegie Hall, con la Chamber Orchestra di New York. A luglio il debutto a Praga. Irene si racconta così agli ascoltatori di “Giovani Talenti”:

“Niente cade dal cielo, ogni risultato richiede impegno e costanza, in ogni Paese e in ogni cultura. In Svizzera personalmente ho trovato un ambiente culturalmente florido e una struttura meritocratica, che mi ha permesso di sviluppare progetti a cui miravo da tanto tempo. La Svizzera difende il suo territorio e il suo mercato, oggi ancora più che mai con la crisi dell’Europa, ma per chi dimostra professionalità e valore le possibilità si creano.  

In Italia torno di rado, per lo più per vedere la mia famiglia o di passaggio per un viaggio più lungo. Non ho date di concerti da parecchio tempo, e le mie proposte spesso non ricevono nemmeno una risposta. 

Losanna è diventata per me casa. Accanto al progetto POURQUOIPAS ho un’attività concertistica che mi porta a viaggiare in giro per il mondo, non ancora quanto vorrei, ma le cose si stanno costruendo piano piano. E quando torno a casa mi dedico all’insegnamento, una passione che ho scoperto solo da due anni. Insegnare violino a giovani talenti è davvero appassionante e in più qui in Svizzera i professori (i maestri in generale) hanno un’importanza sociale e culturale molto forte, per cui le condizioni di lavoro sono molto buone.

L’educazione musicale in genere è molto sollecitata: quasi tutti gli svizzeri non musicisti che incontro hanno suonato uno strumento musicale da bambini. Questo, ai miei occhi, è molto importante per vari motivi: per l’intelligenza creativa che si sviluppa, per il background culturale che ne segue, e per formare il pubblico di domani dei concerti di musica classica”.

Irene Abrigo

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.