Radio24 | Il Sole 24 ORE

Un anno di studi in Cina

Studiare in Cina, armandosi di un grande spirito di adattamento, e di una capacità di superare le inevitabili differenze culturali con le quali occorre fare i conti.

Oggi vi raccontiamo la storia di Gioele Leone, studente delle superiori impegnato in un anno di scambio studentesco in Estremo Oriente.

Ma -soprattutto- “ascoltiamo” la sua storia: perchè c’è davvero molto da imparare, credetemi…

Mi chiamo Gioele, ho 16 anni, vengo da Milano e sono un exchange student. Attualmente mi trovo in Cina, in una città che si chiama Jiujiang. È una città reputata piccola dai cinesi, anche se ci vivono 5 milioni di persone, per non parlare poi degli enormi templi buddisti, delle decine di ospedali, delle svariate facoltà universitarie…

Ormai sono 7 mesi che vivo lontano da casa, dalla mia famiglia, da tutto quello che ero abituato a vedere fin da piccolo. Stando qua ho visto una parte del mondo che in Europa crediamo di conoscere, l’Oriente: tuttavia ho scoperto che la maggior parte sono solo dei normalissimi stereotipi, che poi si rivelano tali quando inizi a vivere inserito nella società – proprio come fossi uno di loro.

Cina, Paese in cui tradizione e innovazione, passato e futuro, ricco e povero convivono pacificamente, creando un contrasto che non può assolutamente lasciarti a bocca chiusa“.

Vi aspetto alle 13.30 (CET) sulle frequenze di Radio 24 – Stay tuned!

 

 

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.