Radio24 | Il Sole 24 ORE

Iva & VAT – Consigli?

Oggi diamo spazio alla lettera del nostro ascoltatore Alessio, che cerca informazioni pratiche su questioni fiscali in vista di un espatrio in Gran Bretagna. Avete consigli da dargli?

Scrivete a generazionemobile@radio24.it , provvederemo a girare le vostre lettere ad Alessio.

“Salve,

sono uno sviluppatore software e lavoro per una banca italiana. Io e la mia fidanzata abbiamo deciso di andare a vivere a Londra e la mia società mi ha proposto di continuare a lavorare per loro, dato che lavoro già completamente da remoto, recandomi saltuariamente nella sede centrale.

Dovrò quindi registrarmi come self employed all’agenzia delle entrate inglese (ho già richiesto un National Insurance Number) ma siccome non raggiungerò gli 85mila pound lordi l’anno, non metterò l’Iva nelle fatture che invierò al mio cliente italiano, e questo gli ha fatto alzare un sopracciglio.

Vi domando quindi: quando mi registrerò all’agenzia delle entrate inglesi (HMRC) mi rilasceranno comunque un numero di partita Iva (VAT) ma non dovrò maggiorare la fattura del 20%, oppure non avrò nemmeno quello? Cosa posso mettere nell’intestazione della fattura se non sono identificato da una partita Iva? Mi rilasceranno un altro tipo di numero?

Sapete a chi posso rivolgermi per avere queste informazioni? Mi hanno suggerito di aprire una società in Italia, ma le tasse qui sono molto più alte e inoltre per il Governo inglese risulterei come disoccupato o come evasore, dato che vivo lì ma pago le tasse in un altro Paese. 

Qualunque suggerimento sarebbe d’aiuto.

Grazie mille dell’attenzione

Cordialmente”,

ALESSIO

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.